Gli ex Sovrani del Belgio in città per due giorni - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Archivio News - Gli ex Sovrani del Belgio in città per due giorni  

Gli ex Sovrani del Belgio in città per due giorni

i-sovrani-a-Teatro-Rossini

Paola Ruffo di Calabria, regina del Belgio dal 1993 al 2013, aveva promesso al sindaco Raffaele Cortesi di tornare a Lugo, prima della fine del suo mandato, per vedere la strada intitolata nel 2012 al padre Fulco, eroico aviatore della 91esima Squadriglia al fianco di Francesco Baracca, e per ringraziare personalmente il primo cittadino lughese per l'impegno dell'Amministrazione comunale nel divulgare la storia degli albori dell'aviazione tramite l'attività del Museo Baracca.

 

La promessa è stata mantenuta, e questa settimana, insieme al marito Alberto II, che ha abdicato a favore del figlio Filippo nel luglio dello scorso anno, Paola di Liegi ha deciso di fare sosta a Lugo all'hotel Ala d'Oro per oltre due giorni, visitando la città e i dintorni in forma strettamente privata. Una sorpresa per lo stesso Raffaele Cortesi, perché inizialmente era stata ipotizzata una data diversa per la visita della coppia reale.

 

i-sovrani-al-Museo-Baracca

Gli ex sovrani sono stati accolti al teatro Rossini  dove, grazie al tempismo del direttore Mauro Emiliani, hanno potuto assistere alle prove del mezzosoprano Daniela Pini che, accompagnata al pianoforte da Fabrizio Milani, ha cantato arie di Rossini, Verdi e Bizet, chiudendo con una toccante interpretazione di “Non ti scordar di me”. Ha fatto seguito la visita al Museo Baracca , dove i sovrani, accolti dal direttore Daniele Serafini, hanno mostrato grande interesse per le collezioni e in particolare per le vicende degli “Assi del Grifo”, per l'aereo di Francesco Baracca e per la Ferrari di Schumacher. Significativa la visita alla sala delle onorificenze dove Alberto II ha potuto ammirare i riconoscimenti concessi a Baracca dal nonno re Alberto I, oltre alla grande foto che li mostra insieme al campo di volo di Padova nel febbraio 1918.

i-sovrani-al-Museo-Baracca

Davanti alla vetrina interamente dedicata a Fulco Ruffo di Calabria, l'ex regina si è soffermata con un velo di commozione, tra immagini e ricordi del padre .

 

 

Il pomeriggio si è concluso al Salone Estense , dove il sindaco ha donato ai due illustri ospiti un piatto in ceramica con la riproduzione della targa d’Europa e un fermacarte in argento con l’immagine della Rocca di Lugo.

 

 

i-sovrani-al-cimitero

Mercoledì mattina, dopo una breve sosta in via Fulco Ruffo di Calabria,  gli ex sovrani hanno raggiunto il cimitero cittadino per rendere omaggio alla tomba di Baracca . Lì erano attesi dal prefetto di Ravenna Fulvio della Rocca , dalla famiglia Baracca  e dal presidente dell'Unuci Renzo Preda . Dopo avere sostato a lungo in raccoglimento ed essersi intrattenuti con gli invitati, hanno proseguito per una visita al mercato, ammirando la bellezza del Pavaglione e della Rocca estense. Il soggiorno degli ex sovrani è stato arricchito da una visita alla mostra sul Liberty a Forlì nel pomeriggio di mercoledì, accompagnati da Gianfranco Brunelli, direttore del comitato scientifico che organizza le mostre al San Domenico, e da una mezza giornata trascorsa giovedì a Brisighella, ricevuti dal sindaco Davide Missiroli, prima di proseguire per Bologna.

 

 

i-sovrani-in-partenza

Al momento della partenza, il sindaco Cortesi  ha salutato gli ospiti esprimendo la sua gratitudine a nome della comunità intera, perché con la loro visita gli ex sovrani hanno ribadito la considerazione e la simpatia per la città di Lugo, per la sua storia e per le sue tradizioni, di cui la città non può che essere onorata.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse