L'Unione dei Comuni della Bassa Romagna “adotta” l'Unione Terre d'Argine - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Archivio News - L'Unione dei Comuni della Bassa Romagna “adotta” l'Unione Terre d'Argine  

L'Unione dei Comuni della Bassa Romagna “adotta” l'Unione Terre d'Argine

Lino-Bacchilega-Giuseppe-Schena-Raffaele-Cortesi

Nel corso della seduta del Consiglio dell'Unione di mercoledì, 27 giugno, è stata deliberata all'unanimità la proposta di gemellaggio tra l'Unione dei Comuni della Bassa Romagna e l'Unione Terre d'Argine (MO), che comprende i Comuni di Soliera, Carpi, Campogalliano, Novi di Modena , nell'ambito dell'aiuto ai Comuni terremotati.

Alla serata era presente Giuseppe Schena, Sindaco di Soliera e Presidente dell'Unione  che ha descritto ai presenti una panoramica della situazione delle zone interessate dal terremoto all'interno delle Terre d'Argine. Una realtà varia e dismogenea, alcune zone sono completamente distrutte, soprattutto nelle aree di Campogalliano e Novi, mentre altre fortunatamente hanno subìto danni minori. La zona di Terre d'Argine aveva superato praticamente indenne la prima scossa del 20 maggio, ma è stata colpita durissimamente dalla seconda, mentre tra l'altro le forze di soccorso e i volontari erano impegnati nelle operazioni di supporto alle zone vicine in difficoltà.

Fortunatamente non ci sono state vittime o feriti, ma ora si stanno verificando i danni e individuando le priorità su cui intervenire nell'immediato e nel medio-lungo periodo, con l'auspicio e la volontà di tenere alta l'attenzione soprattutto dopo la prima fase di emergenza  .

Tre in particolare le aree su cui saranno indirizzati gli interventi, anche con il supporto dei Comuni della Bassa Romagna: edilizia scolastica; attività socio-assistenziale e iniziative ricreative e culturali.

Su circa 19.000 studenti, infatti, 12.000 presumibilmente non potranno rientrare a scuola  a settembre nelle aule tradizionali e si sta lavorando per garantire la messa in sicurezza degli edifici nei tempi più brevi possibili  , ma oltre alla mancanza di risorse, bisogna fare i conti anche con le lungaggini burocratiche derivate dai controlli stringenti per evitare rischi di inquinamento malavitoso.

Un altro tema fondamentale riguarda l'assitenza agli anziani  , che nel territorio di Terre d'Argine, a causa della scarsa quantità di posti disponibili nelle case protette, era quasi tutta domicialiare. Oggi sono circa 5000 gli anziani ospitati in strutture assitenziali o alberghiere fuori zona  (riviera romagnola, Regione Lombardia, Veneto, ecc..), persone da seguire e riportare al più presto nelle loro residenze in condizioni di sicurezza.

Infine non è da sottovalutare il ripristino delle attività e degli spazi destinati alla cultura, al culto, alla ricreazione e all'associazionismo  .

L'Unione Terre d'Argine è vista come un punto di riferimento per la ricostruzione  e questo simbolico gemellaggio con la Bassa Romagna rappresenta un'importante occasione di collaborazione oggi e per il futuro – ha sottolineato il Presidente Schena – la gestione delle relazioni, le attività amministrative, le quotidiane azioni concrete sono più difficili, ma vediamo anche in questo sostegno l'impegno per uscire insieme dall'emergenza, assicurando trasparenza e tracciabilità di tutti gli aiuti ricevuti.”

Con l'approvazione del gemellaggio l'Unione dei Comuni della Bassa Romagna si impegna ad avviare una campagna di raccolta fondi a favore dei terremotati con il coinvolgimento dei cittadini, a cominciare dalla stessa serata di ieri, il cui gettone di presenza è stato devoluto dai consiglieri dei Comuni per la ricostruzione delle scuole danneggiate; a supportare l'Unione di comuni Terre d'Argine anche attraverso l’invio di tecnici o di operatori di polizia municipale  ; a supportare amministrativamente l'Unione Terre d'Argine e con servizi Socio – culturali  e altri.

Ora la priorità è assegnata alla ricostruzione e messa in sicurezza degli edifici scolastici  dei Comuni dell'Unione Terre d'Argine. Occore lavorare prevalentemente perchè a settembre gli alunni possano riprendere l'anno scolastico in condizioni di normalità.

Queste le coordinate bancarie per aderire all'iniziativa: Unione Terre d'Argine – IT 27 E 02008 23307 000040743376.
 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse