L’ORGANIZZAZIONE DEL TERRITORIO

L’organizzazione territoriale, della Lugo odierna, ha inizio con l’erezione delle fortificazioni di difesa nel 1200.
Il primo nucleo, si era formato dentro le mura del Castello nel 1202; esse proteggevano la chiesetta e l’Ospitale, dedicati all’apostolo di Galizia S.Giacomo.
L’Ospitale e la Chiesa erano consacrati a M. Vergine con il titolo “Madonna della Scala” e si occupavano di accogliere i pellegrini e gli infermi.
Il Castello e gli edifici furono distrutti dai faentini nel 1218.
Collegato al Castello tramite un ponte che sovrastava il fossato, c’era il Borgo Brozzi, il cui nome derivava dal fondo da cui si era sviluppato, appartenente alla famiglia Brozia.
La parrocchia di S. Giacomo, trasferita nel Borgo nel 1390, trasformandolo nel più popolato, trovò posto vicino all’Ospitale di S. Lorenzo che, in seguito, unendo le sue rendite con quelle dell’Ospitale di S. Maria della Scala , diedero origine nel 1400, all’Ospitale del Corpo di Cristo.
A Sud si trova il secondo Borgo detto dell’Umido, Limite o Trivio; l’agglomerato, occupato dagli abitanti della Massa S. Ilari in cerca di sicurezza, era dotato della Parrocchia di S. Maria ed arricchito da due Ospitali:
-Madonna dell’Umido o del Limite (1200);
-S. Rocco (1562).
Il terzo Borgo, denominato Cento, dal nome del fondo da cui sorse, probabilmente derivava dallo sviluppo di S. Maria del Trivio.
Nell’500 il Borgo si distese ad angolo verso nord-ovest attorno alle chiese e conventi dei Domenicani e Cappuccini.
Il nome del quarto Borgo, Codalunga, derivato dalla tortuosità della strada, fu anche chiamato S. Agostino per la presenza dal 1300 di un Convento che divenne sede delle Agostiniane dal 1563. In questo Borgo fu fondato l’Ospitale dei Poveri di Cristo chiamato in seguito della Croce.
L’Ultimo Borgo sorse sul Fondo Poligaro o Policaro (metà XIII) a fianco della chiesa e Convento di S. Francesco già presenti dal 1200. Qui prese sede l’Ospitale di S.Antonio Abate nel 1300 che si occupava del ricovero degli infermi e del soccorso dei bastardi. L’ultimo Ospitale edificato nel territorio, prima del decreto reale di Fusione del 1873, fu L’Ospitale di S.Onofrio fondato per volere del commerciante Clemente Galanotti il 19 giugno 1674. La sede prescelta fu l’area definita Policaro Nuovo, in seguito Piazza Padella.

Borgo denominato Brozzi
Borgo denominato Codalunga
Borgo denominato Policaro o Poligaro
Borgo denominato dell’Umido,Limite o Trivio
Borgo Cento: deriva dallo sviluppo di S. Maria del Trivi
o


LE CONFRATERNITE.

La distinzione tra nosocomi, dedicati all’assistenza degli infermi, xenodochi, luoghi destinati ad ospitare i viandanti, brefotrofi, per l’accoglienza degli esposti, non erano così definiti, spesso erano gli stessi pellegrini che ammalandosi trasformavano questi luoghi dedicati all’accoglienza in nosocomi.
Ogni ospedale era corredato da una chiesa propia dedicata ad un santo protettore, di solito scelto dai testamentari, al quale era dedicata la festa annuale della confraternita.
L’associazione obbediva alle regole rogate dal Vescovo Paleotti puntuali sia per l’amministrazione della chiesa che per l’organizzazione degli ospedali riprese, in seguito, dai suoi successori.
Gli Ospitali erano fondati grazie a lasciti di persone generose ed amministrati da confraternite o “societas”, associazioni prevalentemente laicali che avevano il fine di pietà, culto e beneficenza, aggregate ad arciconfraternite romane e rette da statuti particolari o capitoli approvati dall’Autorità Diocesana a cui sottostavano, specialmente per il controllo amministrativo.
Nell’600 il territorio lughese vide fiorire, nell’ambito delle due parrocchie cittadine (S. Ilaro e S.Giacomo), molte associazioni a carattere religioso, assistenziale e culturale; infatti sono presenti a carattere prevalentemente religioso dodici confraternite più cinque che si aggiungeranno nel ‘700.
A carattere d’assistenza, sempre nell’600, si conoscevano sei associazioni che reggevano i rispettivi ospedali del territorio:


1. S. Maria del Limite o dell’Umido era retto dalla Compagnia dei Devoti;
2. S. Antonio Abate era retto dalla Confraternita di S.Antonio;
3. Poveri di Cristo poi Spedale della Croce era retto dalla Compagnia dei Croce Segnati;
4. Corpus Domini era retto dalla Confraternita del Corpus Domini;
5. S. Rocco era retto dalla Confraternita di S.Rocco;
6. S. Onofrio era retto dalla Confraternita di S.Onofrio.