Il Pavaglione - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - Arte e Cultura - Edifici storici - Il Pavaglione  

Il Pavaglione

Pavaglione

L'indennità architettonica ed urbanistica di Lugo risale al secolo XVIII, un periodo caratterizzato, per la città, da una grande vivacità culturale e da una forte espansione economica. Un raro esempio di architettura civile settecentesca, che anticipa quasi soluzioni urbanistiche moderne, è il Pavaglione, costruito a partire dal 1771 e completato nel 1784 da Giuseppe Campana. Si tratta di un imponente quadriportico, che sorge nel sito di un più antico loggiato tardo-cinquecentesco, per le esigenze del mercato dei bozzoli del baco da seta (papilio  in latino, da cui il nome del complesso), allora fiorentissimo. Sottoposto a un accurato restauro nel 1984, il Pavaglione è un quadrilatero irregolare i cui lati più lunghi misurano rispettivamente 131 e 133 metri, contro gli 82 di quelli corti. Frutto dell'impegno civico del secondo Settecento, il Pavaglione è tuttora sede delle attività commerciali più significative per la città. Oltre alle caratteristiche botteghe che si aprono all'interno della struttura, sotto i portici, oggi come duecento anni fa la costruzione ospita il Mercato settimanale e la Fiera, oltre a svariate rassegne a carattere economico. D'estate è anche sede di spettacoli musicali: il binomio musica-mercato vanta infatti una tradizione antichissima, che si richiama ai tempi in cui il mercato era occasione di incontro e pertanto anche di intrattenimento da parte di giullari e compagnie di attori che vi giungevano attirati dalla ricchezza e dalla floridità dei commerci. Numerosi documenti attestano diversi eventi teatrali che si tennero in concomitanza con la Fiera fin dal XVI secolo. Si sa, per esempio, che una compagnia di commedianti era a Lugo dal 1586, nel 1594 venne rappresentato il Filleno , favola boschereccia di Illuminato Perazzoli, nell'antico loggiato che sorgeva sul sito del Pavaglione, mentre nel 1641 venne eseguito il Pastor Fido  del Guarini sempre negli stessi spazi aperti. Benedetto Marcello, nel Teatro alla moda  (1720), faceva dire alla madre di una cantante che la figlia si era esibita a Lugo "dov'as'fa qui gran uperun" (espressione che più o meno significa: dove si fanno quelle grandi opere).

 

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse