Capperi della Rocca - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home - Città e territorio - Arte e Cultura - Rocca Estense - Capperi della Rocca  

Capperi della Rocca

capperi-della-Rocca

Il Capparis spinosa,  arbusto, dalla foglia e dai frutti carnosi, dai grandi fiori bianchi e rosati, da secoli radica spontaneamente nelle fessure di bastioni e muraglie  della Rocca Estense di Lugo.

Gli esperti considerano abbastanza raro l'attecchimento spontaneo di capperi nella nostra zona climatica . In ogni caso i capperi della  Rocca di Lugo sono ben conosciuti dai buongustai per il loro prelibato sapore, un gusto vivace e particolare, veramente squisito.

La presenza secolare dei capperi nella nostra Rocca è suffragata oltrechè dalle caratteristiche tipiche di questo arbusto, capace di insediarsi spontaneamente su rupi calcaree e vecchi muri, anche dai documenti e registri contabili conservati nell'Archivio comunale, ove troviamo fin dall'800 la voce specifica relativa ai "Capperi della Rocca" fra le entrate del  bilancio comunale, con tanto di gare periodiche di affidamento a privati della raccolta e  controversie per il rispetto delle regole e i prezzi pattuiti. Capitò anche che un militare del servizio di guardia alla Rocca impedisse la raccolta al malcapitato appaltatore, forse voleva riservarli a se stesso.  Nel 1872 il canone di affitto per i "capperi producibili nei muri esterni della Rocca" era di lire 75, mentre nel 1878 la "corrisposta annuale" per lo stesso prodotto era invece di lire 80.

Dal secondo dopoguerra la raccolta dei capperi della Rocca viene effettuata direttamente dall'Amministrazione con il personale addetto alla manutenzione di giardini e aree verdi. Questi operatori si occupano anche della potatura a fine inverno e della selezione/diradamento primaverile dei fiori.
Le gemme floreali raccolte (che costituiscono appunto i capperi commestibili, ricchi di quercetina, benefica sostanza antiossidante) vengono messe in salamoia in piccoli vasetti che l'Amministrazione offre in omaggio agli ospiti del Comune. Attualmente il raccolto complessivo si aggira mediamente sui 30 - 40 Kg./anno.
 Considerato che i giardinieri non raccolgono tutto il prodotto, ma la parte qualitativamente migliore, in anni recenti l'Amministrazione comunale ha "liberalizzato" la raccolta dei capperi residui, istituendo quello che si potrebbe definire "diritto di capperaggio": i "patiti" dei capperi (veri eredi degli antichi Romani, appassionati di questa prelibatezza), possono raccoglierli fino all'altezza raggiungibile da terra dopo che gli addetti comunali  hanno effettuato la propria raccolta.

Si conclude con una annotazione singolare relativa alla diffusione anche all'estero della "fama" qualitativa dei capperi di Lugo , fama nata evidentemente dal commercio che ne facevano gli appaltatori della raccolta: alcuni decenni fa, a Londra , nei grandi magazzini Harrod's erano in vendita simpatici (e minuscoli) vasetti di capperi made in Italy denominati nell'etichetta "capperi della Rocca di Lugo", ma che ovviamente sui muri della nostra Rocca in realtà non erano mai fioriti.

 

A cura del Responsabile del Servizio Protocollo e Archivio, Dott. Antonio Curzi.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse