Torre del Soccorso - Rocca Estense - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home - Città e territorio - Arte e Cultura - Rocca Estense - Torre del Soccorso - Rocca Estense  

Torre del Soccorso - Rocca Estense

Torre-del-Soccorso

L’intervento di recupero storico/spaziale dell’originaria Torre del Soccorso nella Rocca Estense di Lugo si configura come un vero e proprio “disvelamento” di ciò che era quasi totalmente nascosto e riveste un carattere di straordinario interesse nel panorama dei recuperi del patrimonio culturale/architettonico tardomedievale Italiano.
La Torre del Soccorso è parte integrante della Rocca e, in special modo, della cortina difensiva nord. Essa va letta, in ogni caso, nella sua funzione di parte del complesso e non come torre a sé stante.
La sua funzione principale è riassunta dal nome: era la Torre che permetteva di rifornire e soccorrere chi era asserragliato all’interno della fortezza.
La Torre, perduta la funzione difensiva della Rocca Estense, anche in concomitanza dell’annessione allo Stato Pontificio nel 1598, nei secoli è stata destinata a molteplici usi fino a diventare, ultimamente, sede di magazzini ed uffici comunali.
La sua posizione all’interno del complesso Rocca-Cittadella si rileva nel disegno del Dal Corno del 1568. L’odierna opera di recupero spaziale è stata intrapresa per risolvere problematiche di carattere strutturale che interessavano la Torre in sé e, conseguentemente, tutta la zona nord della Rocca.  Le strutture orizzontali e verticali realizzate nel tempo al suo interno presentavano evidenti segni d’incoerenza statica e di fatiscenza strutturale in progressivo peggioramento. Il recupero spaziale e filologico della Torre con la conservazione e messa in  luce dei vari  elementi architettonici rinvenuti  nel quadrilatero murario interno ci permette di ricostruire alcune vicende edilizie della stessa; in special modo sono stati resi leggibili :

-  la porta d’accesso verso la campagna nord con alcuni archi sovrapposti realizzati in tempi diversi con sovrastanti scanalature per i bolzoni, testimoni dell’esistenza di  un  ponte levatoio carrabile;

-  la scanalatura per il bolzone del ponte levatoio secondario, sul lato destro, con sottostante porta ad arco ad ogiva;

-  le merlature nella parte superiore del lato nord, unico paramento murario rimasto a testimoniare dimensionalmente e tipologicamente la Torre.

Il ripristino delle preesistenti aperture, sui lati nord ed ovest  e la realizzazione di un collegamento verticale con gli ambienti della sottostante sala espositiva  ex-Pescherie,   assegnano alla Torre del Soccorso, oltre al valore storico-documentario,  un importante ruolo urbano nel contesto del nucleo più antico di Lugo, permettendo  l’attraversamento della Rocca dalla Pizza Garibaldi a nord, al sistema delle Piazze del Nucleo Storico a sud; accrescendo così la fruizione e la valorizzazione delle testimonianze storico/culturali della parte più antica della città .

Gli urgenti interventi di recupero della Torre, e il conseguente work in progress  quale metodologia operativa, sono stati definiti e perfezionati al fine di conservare le varie strutture e componenti lignei ed in laterizio, lasciando in vista i varchi di collegamento preesistenti, le merlature e le scanalature dei ponti levatoi nonché  le “tracce” degli  interventi  murari realizzati nei secoli in base alle  mutate esigenze di fruizione ed utilizzo della Torre. Si segnala  la consistente diminuzione  dello spessore murario per sottrazione di materiale edile e conseguente recupero di spazio interno per usi civili.
Durante le fasi di lavoro sono emersi inoltre manufatti storici, opportunamente consolidati e valorizzati, presenti nella zona pavimentale, in particolare si è evidenziata una struttura ad arco sulla quale insisteva una muratura che divideva verticalmente la Torre.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse