Teatro ragazzi - Comune di Lugo

Skip to main content
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - Eventi e Manife... - Calendario Eventi - Teatro ragazzi  

Teatro ragazzi

Domenica 20 gennaio 2019 ore 16  
Teatro del Piccione / Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse

 POLLICINO  con Simona Gambaro  e Paolo Piano
Luci e fonica Simona Panella e Cosimo Francavilla
Scene e costumi Teatro del Piccione / Compagnia Rodisio
Testo e regia Manuela Capece  e Davide Doro
Teatro d’attore dai 5-12 anni
L’avete mai visto un bosco. Intricato e buio, ma così buio che non ci si vede l’un l’altro a dieci passi di distanza. Un bosco così scuro che ci si può veramente perdere. Avete mai sentito i versi degli animali di notte. Siete mai stati inseguiti da un coltellaccio così grosso e spaventoso da farvi tremare come una fogliolina al vento.  Avete mai avuto lo stomaco vuoto e affamato, così vuoto e affamato da fare rumore, un rumore che rimbomba dentro la pancia e sale su fino alla testa, dentro al cervello che sembra di diventare matti. Ti sei mai sentito solo.  Il più piccolo, il più timido, il più povero di tutti, quello che non parla mai, quello che non ne fa una giusta. Ti sei mai trovato in pericolo. In pericolo per davvero. Cosa faresti… Questa è la storia di un bambino molto molto piccolo e dei suoi fratelli che una notte in mezzo al bosco scoprono di essere stati abbandonati. Tracce, sassi bianchi lasciati sulla strada.  La strada percorsa per diventare ciò che sei. Pollicino è un invito a diventare grandi senza paura o, perlomeno, a dar voce alla paura sana, intrinseca in ogni distacco. La paura, la fatica, il coraggio, la curiosità, la gioia che ti hanno accompagnato durante quel viaggio compiuto. La fame di una casa troppo stretta, il buio del bosco, l'odore dell'orco, l'intuito della fuga, la pienezza del tesoro conquistato, la felicità di un ritorno a casa. Grazie alla semplicità con cui la fiaba sa raccontare, attraverso ogni tempo e ogni luogo, una storia buia può farsi luminosa e diventare un piccolo inno alla vita.

 

Domenica  10 febbraio 2019 ore 16  
Drammatico vegetale
 LEO UNO SGUARDO BAMBINO SUL MONDO  
Progetto Elvira Mascanzoni e Pietro Fenati
con Camilla Lopez, Elena Pelliccioni
Musiche originali Matteo Arevalos
Scene virtuali Ezio Antonelli
Luci e suono Alessandro Bonoli
Voce Brando Carrella
Regia Pietro Fenati
Teatro corporeo e visivo dai 4 ai 10 anni
Il mondo visto e interpretato con gli occhi curiosi di un bambino che diventa uomo e continua ad avere lo stesso sguardo bambino: così ci si immagina Leonardo da Vinci, sempre alla ricerca di ciò che non conosce, sempre con la voglia insaziabile di mettere le dita fra gli ingranaggi della vita, per capire come la vita stessa funziona. Per lui, dove non arriva l’osservazione, arriva l’immaginazione. Immaginare il futuro con gli occhi del bambino dilata il presente, perché vedere qualcosa che non c’è ancora vuol dire averla già creata. Gioco, scienza e arte si inseguono e modellano l’uomo nuovo, l’uomo moderno.

 

Domenica 24 febbraio 2019 ore 16  
Teatro del Buratto
 BECCO DI RAME  Lo spettacolo è tratto dal libro Becco di Rame di Alberto Briganti
con Nadia Milani, Matteo Moglianesi, Serena Crocco
Adattamento drammaturgico Ira Rubini
Musiche originali di Andrea Ferrario
Voci Francesco Orlando, Flavia Ripa, Valentina Scuderi, Nadia Milani, Serena Crocco
Pupazzi Chiara De Rota, Linda Vallone
Scenografie e oggetti Raffaella Montaldo, Nadia Milani, Matteo Moglianesi, Serena Crocco
Disegno luci Marco Zennaro
Ideazione e messa in scena Jolanda Cappi, Giusy Colucci, Nadia Milani, Matteo Moglianesi, Serena Crocco
Teatro di animazione su nero 3-8 anni
Lo spettacolo narra la vera storia di Becco di Rame, un’oca che ha perso il suo becco lottando contro la volpe per difendere il pollaio. Il veterinario del paese, il dott. Briganti, è riuscito a salvarla dopo un lungo intervento ed è riuscito a ricostruirle il becco con una protesi di rame. Il dott. Briganti, poi, ha deciso di raccontare questa storia ai bambini, una storia a lieto fine che dimostra come possa essere straordinaria ed emozionante la vita, quella vera, che, a volte, ci mette davanti a prove difficili che possono renderci ancora più forti e anche migliori di prima.
Lo spettacolo tratta temi importanti come quelli della diversità, della disabilità e dell’importanza di essere accolti, accettati e desiderati nonostante una fisicità diversa o un’abilità diversa rispetto a quelle ritenute “normali”.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse