Aldo Cazzullo al Caffè Letterario di Lugo con "La guerra dei nostri nonni" - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Comunicazione e... - Comunicati stampa - Anno 2014 - Novembre - Aldo Cazzullo al Caffè Letterario di Lugo con "La guerra dei nostri nonni"  

Aldo Cazzullo al Caffè Letterario di Lugo con "La guerra dei nostri nonni"

copertina

Venerdì 28 novembre alle 21 nel Salone Estense della Rocca si terrà il primo di una serie di incontri che il Caffè letterario di Lugo dedicherà in questa stagione alla Prima Guerra mondiale. Il giornalista Aldo Cazzullo presenterà il suo ultimo libro “La guerra dei nostri nonni”, edito il mese scorso da Mondadori. A introdurre la serata sarà Patrizia Randi, curatrice si Caffè letterario.

 

La Grande guerra non ha eroi: i protagonisti non sono re, imperatori, generali. Sono fanti contadini: i nostri nonni. Aldo Cazzullo racconta il conflitto '15-18 sul fronte italiano, alternando storie di uomini e di donne, ovvero le storie delle nostre famiglie. Perché la guerra è l'inizio della libertà per le donne, che dimostrano di poter fare le stesse cose degli uomini: lavorare in fabbrica, guidare i tram, laurearsi, insegnare. Le vicende di crocerossine, prostitute, portatrici, spie, inviate di guerra, persino soldatesse in incognito, incrociano quelle di alpini, arditi, prigionieri, poeti in armi, grandi personaggi e altri sconosciuti. Attraverso lettere, diari di guerra, testimonianze anche inedite, "La guerra dei nostri nonni" conduce nell'abisso del dolore. Sia le testimonianze di una sofferenza che oggi non riusciamo neppure a immaginare, sia le tante storie a lieto fine, come quelle raccolte dall'autore su Facebook, restituiscono la stessa idea di fondo: la Grande Guerra fu la prima sfida dell'Italia unita, e fu vinta. L'Italia poteva essere spazzata via, invece dimostrò di non essere più "un nome geografico", bensì una nazione. Questo non toglie nulla alle gravissime responsabilità, che il libro denuncia con forza, di politici, generali, affaristi, intellettuali, a cominciare da D'Annunzio, che trascinarono il Paese nel grande massacro, ma può aiutare a ricordare chi erano i nostri nonni, di quale forza morale furono capaci, e quale patrimonio portiamo dentro di noi.

 

Aldo Cazzullo, giornalista, dopo quindici anni a "La Stampa" di Torino, è inviato speciale del "Corriere della Sera". Ha raccontato le Olimpiadi di Atene e di Pechino, gli attentati dell'11 settembre, il G8 di Genova, gli omicidi delle Brigate Rosse di Massimo D'Antona e Marco Biagi. Tra i suoi libri ricordiamo Ragazzi di via Po (Mondadori, 1997), I ragazzi che volevano fare la rivoluzione (Mondadori, 1998), Il caso Sofri (Mondadori 2004), I grandi vecchi (Mondadori 2006), Outlet Italia (Mondadori, 2007). È stato ospite di Caffè letterario per due volte con i libri "L'Italia de noantri" e “Viva l’Italia”.

 

Per ulteriori informazioni chiamare lo 0545 22388 o 0545 33593, email claudio@aladoro.it , oppure consultare i siti internet www.caffeletterariolugo.blogspot.it e www.aladoro.it

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse