Nella mattinata di ieri, sabato 11 giugno, presso la Caserma della Compagnia Carabinieri di Lugo, è stata inaugurata una lapide dedicata ad Ernesta Stoppa - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Comunicazione e... - Comunicati stampa - Anno 2011 - Giugno 2011 - Nella mattinata di ieri, sabato 11 giugno, presso la Caserma della Compagnia Carabinieri di Lugo, è stata inaugurata una lapide dedicata ad Ernesta Stoppa  

Nella mattinata di ieri, sabato 11 giugno, presso la Caserma della Compagnia Carabinieri di Lugo, è stata inaugurata una lapide dedicata ad Ernesta Stoppa

inaugurazione

Nella mattinata di ieri, sabato 11 giugno, presso la Caserma della Compagnia Carabinieri di Lugo, è stata inaugurata una lapide dedicata ad Ernesta Stoppa, alla presenza del Prefetto di Ravenna Bruno Corda, del Questore di Ravenna Giuseppe Racca, di una nutrita presenza di assessori provinciali, del Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi, del comandante dell’Arma di Ravenna Guido De Masi e dell’assessore alla scuola del Comune di Lugo Patrizia Randi

 Nella mattinata di ieri, sabato 11 giugno, nel fabbricato attualmente adibito a Caserma dei Carabinieri di Lugo e che ospitò dal 1881 un Istituto Educativo fondato sulle metodologie del Pedagogista Tedesco Friedrich Fròbel, universalmente noto per aver creato e messo in pratica il concetto di Giardino d’Infanzia, corrispondente all’odierna scuola dell’infanzia, l’amministrazione comunale di Lugo ha inaugurato una lapide, in pietra naturale, dedicata ad Ernesta Stoppa. All’inaugurazione erano presenti, oltre ad una delegazione di studenti, il Prefetto di Ravenna Bruno Corda, il Questore di Ravenna Giuseppe Racca, il comandante dell’Arma dei Carabinieri di Ravenna Guido De Masi, il comandante della Compagnia Carabinieri Lugo Biancucci, il Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi, gli assessori Provinciali Proni, Valgimigli, Ronchini e l’assessore alla scuola del Comune di Lugo Patrizia Randi. La lapide, delle dimensioni di cm. 50 di larghezza, cm. 20 di altezza e cm. 2 di spessore) è stata costruita in pietra calcarea di Trani (tonalità beige chiaro con superficie opaca in analogia alla lapide già presente sulla facciata principale, sulla destra in corrispondenza del portone d’ingresso dell’edificio) con caratteri dalla tonalità  grigio chiaro.

Ernesta Galletti Stoppa, la biografia di una grande donna

Nata a Mezzano nel 1850, Ernesta Galletti si trasferisce a Lugo dove, nel 1875, sposa Valentino Stoppa, volontario nelle file garibaldine in Trentino e nell’assalto a Roma nel 1867.

La formazione culturale di Ernesta Stoppa risente dell’influenza del “messaggio” mazziniano e garibaldino che è alla base dell’impegno con cui partecipa all’opera di alfabetizzazione avviata, dal Regno d’Italia, nei primi decenni dopo l’Unità.

In un’epoca in cui il destino unico della donna è quello di essere “l’angelo della famiglia”, la Stoppa precorre i tempi con iniziative tese a rendere le donne in grado di emanciparsi., soprattutto sul piano finanziario.

La sua vita pubblica inizia nel 1870 quando, giovanissima, partecipa alla costituzione della Società di Mutuo Soccorso Femminile di Lugo.

Nel 1872, con 68 socie, la nuova associazione è ufficialmente costituita e inizia la sua attività il 1° gennaio 1873, nonostante l’opposizione della parte più arretrata del mondo conservatore, per arrivare a ben 203 adesioni nel 1899. La Società eroga sussidi di malattia, di vecchiaia e aiuti alla famiglie bisognose di socie defunte.

Nel 1878 concepisce l’idea di fondare a Lugo un istituto privato di educazione femminile, lottando contro i numerosi pregiudizi di una buona parte dei lughesi. Nel 1881, a proprie spese, avvierà la costruzione del palazzo destinato ad ospitare la scuola, l’Istituto femminile Stoppa con annesso un giardino per l’infanzia. L’ambizioso progetto verrà premiato con medaglia d’argento all’ Esposizione Italiana di Torino nel 1884. L’Istituto è organizzato in due corsi: Giardino d’infanzia e Scuola elementare, divisa in cinque anni per quattro classi.

Il sistema educativo è ispirato alle teorie del pedagogista tedesco Friedrich Fröbel (1782-1852): la base di questo metodo educativo è il lavoro intelligente e libero, dall’arte alla scienza e alle sue applicazioni, graduato in base ai bisogni dell’individuo.

Nel 1885 riceve finalmente un contributo finanziario da parte del Comune di Lugo, grazie al sindaco Ercole Bedeschi e, in cambio, inserisce nel suo “Giardino” cinquanta bambini di famiglie operaie. Negli anni successivi la Stoppa ottiene significativi riconoscimenti, in particolare dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Grazie a un’instancabile attività a favore del miglioramento degli istituti per l’infanzia, Ernesta Stoppa diviene, nell’ultimo decennio dell’Ottocento, un punto di riferimento del Ministero e del mondo scolastico più in generale per la diffusione della pedagogia di Fröbel.

Nel 1892 pronuncia un importante discorso sull’emancipazione femminile che, partendo dalla condizione della donna nei tempi antichi ed affrontando aspetti legislativi, la situazione economica e lavorativa, giunge alla conclusione che uno dei mezzi più efficaci che il progresso offre alla donna per migliorare la sua condizione è l’associazionismo, sotto le diverse forme del mutuo soccorso, della cooperazione e dell’istruzione.

Nel 1903 avvia a Lugo una scuola professionale con laboratori per il cucito, sartoria e maglieria a macchina.
Nel 1906 è nominata membro del Consiglio Nazionale della Federazione Italiana delle Società di Mutuo Soccorso. Muore a Lugo nel 1939. (u.s.)

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse