Parte del discorso del Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi per ricordare Ernesta Stoppa - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Comunicazione e... - Comunicati stampa - Anno 2011 - Giugno 2011 - Parte del discorso del Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi per ricordare Ernesta Stoppa  

Parte del discorso del Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi per ricordare Ernesta Stoppa

inaugurazione-monumento-dedicato-a-Ernesta-Stoppa

Nel 1861 (e anche nel periodo successivo post unitario) la Romagna era annoverata fra le aree più arretrate d’Europa e d’Italia.

Era un’area ancora paludosa e malarica, con un’elevatissima mortalità infantile, con un analfabetismo diffuso, con indici sociali ed economici che parlavano alla pari con le parti più buie del Meridione d’Italia.

Oggi viviamo in una delle regioni più avanzate d’Europa non solo dal punto di vista economico ma anche sul versante sociale e della qualità di vita. Sono significativi i dati emersi anno scorso in relazione al posizionamento dei nostri Comuni (fra tutti i comuni d’Italia) relativamente agli indici di  benessere elaborati dalla Comunità Europea.

Hanno accompagnato e guidato questo salto e questa trasformazione personaggi preziosi e decisivi come Ernesta Stoppa.

Scrive, in occasione della sua morte, Francesco Balilla Pratella: “La signora Ernesta ebbe in vita molte soddisfazioni e dolori, vittorie e mortificazioni, molti riconoscimenti e molte amare delusioni”.

E’ il compendio della vita sulla nostra terra: una vita che per incidere sui cambiamenti è composta di grande forza d’animo, di grande determinazione, di profonde  motivazioni ideali e politiche, di intuizioni formidabili e di una fortissima dedizione al sociale, per il riscatto ed il miglioramento delle condizioni e della qualità di vita dei più deboli.

Promotrice della Società di mutuo soccorso  femminile (sezione della SMS esistente a Lugo dal 1862) si adopera per l’istruzione,  contro l’analfabetismo, contro i bassi salari, per l’assistenza alla maternità. Soprattutto si impegna per la crescita e la diffusione della conoscenza, dell’istruzione come base di riscatto sociale, di emancipazione della donna, di crescita della società.

Non è difficile il parallelo con il mondo odierno. L’istruzione e la conoscenza costituiscono ancora oggi una leva imprescindibile di innovazione e di miglioramento.

Fortunatamente non più le conoscenze relative all’alfabetismo, quanto le conoscenze più ampie, più diffuse e più profonde che comunque costituiscono gli strumenti di promozione e di inserimento nella comunità delle nuove generazioni.

Ecco perché l’insegnamento di Ernesta Stoppa, cioè sostenere l’innovazione attraverso la conoscenza, il sapere, per agire sulla condizione individuale e sociale della persona, è un insegnamento da tener caro e da trasferire nel nostro futuro.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse