Matteo Montanari espone a Casa Rossini nell’ambito dei “Week End d’Arte” il 26 e 27 novembre e il 2,3 e 4 dicembre. - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Comunicazione e... - Comunicati stampa - Anno 2011 - Novembre 2011 - Matteo Montanari espone a Casa Rossini nell’ambito dei “Week End d’Arte” il 26 e 27 novembre e il 2,3 e 4 dicembre.  

Matteo Montanari espone a Casa Rossini nell’ambito dei “Week End d’Arte” il 26 e 27 novembre e il 2,3 e 4 dicembre.

Viene inaugurata, sabato 26 novembre, alle ore 18,45, alla presenza del Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi e dell’assessore alla cultura Marco Scardovi, la personale di Matteo Montanari, nell’ambito dei week End D’Arte di Casa Rossini (“Per le linee di Berlino” e “Ahora, en Argentina”). L’esposizione sarà visitabile nelle giornate del 26 e 27 novembre e il 2,3 e 4 dicembre; di venerdì e sabato apertura dalle ore 16,30 alle ore 18,30, mentre, di Domenica, apertura anche mattutina dalle ore 10 alle ore 12. Matteo Montanari presenta la rielaborazione fotografica di due suoi viaggi: Berlino 2009 e Argentina 2010. Entrambi legati da una stessa coerenza di osservazione delle cose, di ascolto delle atmosfere e di suggestioni. Ogni progetto viene presentato attraverso foto a colori e in bianconero: attraverso le prime mette a fuoco un approccio pensato che quasi va a collimare con immagini che già stanno nella sua immaginazione, mentre le seconde gratificano il suo desiderio di uno scatto istintivo,non meditato.

 Il parere del fotografo Gianni Bartolotti  

Scrive di lui il fotografo Gianni Bartolotti: "La misura della sua arte è il viaggio. Ogni scatto di fantasia gli appartiene, come fosse un’esperienza già compiuta ancor prima di esser fissata nella carta.Ogni immagine diviene l’immaginazione di tante, caute storie essenziali, stampate e stipate in valigie di segni: sono contenitori pronti per essere indirizzati a tutti quegli osservatori disposti a partire per un altro percorso tanto solitario quanto personale e interiore. Insomma: ogni ricerca è un’opera raramente ripiegata su sè stessa che, ogni volta, può parlare come una voce solista o come una sequenza corale di composizioni chiare e ben orchestrate; il tutto programmato secondo un gioco visionario suggerito e guidato dall’autore. In altre parole, quando si scorrono le foto di Matteo, esse si memorizzano come fossero una sequenza di un diario oppure come fotogrammi spezzati in tanti aloni di un unico deserto urbano; ma in un caso o nell’altro nulla viene tolto alla forza di una passione che si tramuta sempre in capacità istintiva di guardare, di scegliere e di inquadrare senza regole pianificate o schemi culturali."

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse