Discorso integrale del Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi alla cerimonia di conferimento della Targa d'Onore 2012 del Consiglio d'Europa al Comune di Lugo - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Comunicazione e... - Comunicati stampa - Anno 2012 - Dicembre - Discorso integrale del Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi alla cerimonia di conferimento della Targa d'Onore 2012 del Consiglio d'Europa al Comune di Lugo  

Discorso integrale del Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi alla cerimonia di conferimento della Targa d'Onore 2012 del Consiglio d'Europa al Comune di Lugo

  Lunedì 10 dicembre 2012 – ore 10,30
Teatro Rossini

 

Sig. Presidente Sir Alan Meale

Sig. Prefetto della Provincia di Ravenna dott. Bruno Corda

Sindaci della città gemellate e amiche di Lugo:

Choisy le Roi,

Nervesa della Battaglia,

Kulmbach,

Agustin Codazzi,

Yoqneam,

Wexford,

Tai'an,

São Bernardo do Campo

autorità civili, militari, religiose

Targa-d-Onore

Oggi è una grande giornata di festa, una giornata di cui la nostra comunità può essere orgogliosa. Lugo è stata insignita della Targa d'Onore del Consiglio d'Europa 2012, il secondo più alto riconoscimento che viene conferito alle municipalità europee. Questa onorificenza fa seguito al Diploma conferito nel 1995 e alla Bandiera d'Onore conferita nel 1996. Dopo 16 anni Lugo torna a fregiarsi di un titolo particolarmente significativo e importante.

Quando ci è stata notificata l'assegnazione del premio, nello scorso aprile, abbiamo scelto per la consegna della Targa una data non casuale: oggi è il 10 dicembre 2012 e sessantaquattro anni fa, il 10 dicembre 1948, veniva firmata a Parigi la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, uno dei documenti più alti che siano stati scritti dall'umanità per l'umanità. Voleva dire quel documento (e vuole dire ancora oggi) a voce alta “un mai più” assoluto rispetto alle atrocità che connotarono il secondo conflitto mondiale e, prima ancora, la grande carneficina della prima Guerra Mondiale.

Queste guerre furono combattute prevalentemente in Europa ed essa ne uscì distrutta. L'Unione europea è figlia di quelle tragedie; essa è nata affinché non potessero ripetersi cose simili e perché l'Europa divenisse un luogo di pace e di collaborazione, di democrazia, di libertà, esempio per il mondo intero.

Dopo un cammino di oltre sessant'anni, il 12 ottobre 2012 l'Unione europea ha ricevuto il Premio Nobel per la pace, con questa motivazione: “per oltre sei decenni ha contribuito all'avanzamento della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani in Europa e nel mondo”. Ecco perché abbiamo scelto questa data: perché un filo rosso congiunge lo sforzo per la pace, per la democrazia e per i diritti umani portato avanti nel mondo con il destino stesso dell'Europa, antica culla di civiltà. Una civiltà in cui si fondono radici culturali ed ideali diverse ma capaci di confrontarsi e di parlarsi, di intrecciarsi e di crescere.

Lugo ha dato il suo contributo a questo cammino.

Lugo è da secoli una città mercato. Il mercato, ancora prima di essere un luogo di scambio delle merci, è un luogo di incontro e confronto di idee, culture, sensibilità diverse. E’ un luogo dell’apertura, del dialogo e della ricerca. Quando ci riferiamo all’espressione “libero mercato”, dobbiamo intendere innanzitutto un sistema di relazioni in cui si realizzi una libera circolazione delle idee attraverso il libero confronto.

Sia la presenza della Signoria Estense fino al termine del XVI secolo, che quella della maggiore comunità ebraica in Emilia-Romagna dopo Ferrara, hanno favorito la nascita di uno dei maggiori mercati in Italia e hanno connotato Lugo come luogo appunto di incontro e di libero scambio delle idee e delle merci. Questa vocazione non è andata perduta nel corso della contemporaneità, anzi essa si è rafforzata man mano che la logica del mercato è divenuta nel tempo strutturale rispetto allo sviluppo della società moderna. Non è forse un caso che una piccola città nel cuore della Romagna abbia dato i natali a tante figure decisive nell’innovazione della cultura e delle scienze: Giuseppe Compagnoni, Agostino Codazzi, Gregorio Ricci Curbastro, Francesco Balilla Pratella, Francesco Baracca, per citarne solo alcuni.

Questa vocazione all'apertura è chiaramente delineata anche nel preambolo allo Statuto del Comune di Lugo:

 

“… L’identità e il futuro di Lugo trovano dunque radice in questo peculiare patrimonio storico e nei suoi aspetti culturali e artistici, come pure nella tradizione di lavoro, spirito di iniziativa e di impresa ed infine nell’antica e tipica vocazione di città aperta all’incontro tra comunità, culture, interessi diversi, di cui il mercato settimanale è ancor oggi testimonianza”.

 

Questi concetti fondamentali, sui quali si è via via costituita l'identità della nostra comunità, rispecchiano lo sforzo che sta alla base del sostegno e dell'apporto alla costruzione dell'unità europea. E' questo il motivo per cui a Lugo è sempre stata forte l'attenzione al progetto europeo. Lugo ha dato un grande contributo, rispetto alle sue dimensioni, al percorso che ha portato all’Europa di oggi: con l’intelligenza, la creatività, la ricerca scientifica, con la dottrina giuridica di Giuseppe Compagnoni e la militanza attiva di tanti lughesi nel pensiero e nel movimento mazziniano (punto embrionale dei concetti di federalismo e di europeismo) e nelle lotte risorgimentali, nella Resistenza contro il nazifascismo, nell’impegno e nella vigilanza sulle conquiste democratiche dopo l’ultimo conflitto mondiale. C'è un segno preciso di queste lotte nella Medaglia di Bronzo al valore Militare concessa a Lugo per la partecipazione alla Resistenza. Tra i partigiani ricordiamo in particolare, in questa occasione il lughese Paride Baccarini, che insieme a Piero Calamandrei, Ernesto Rossi, Corrado Tumiati ed altri fondava a Firenze nel 1944 l’Associazione Federalista Europea che confluirà poi nel Movimento Federalista Europeo di Altiero Spinelli, associazione tuttora attiva e presente in molte città della nostra regione. Dal 16 dicembre 2007 anche a Lugo i cittadini impegnati nella discussione e promozione dell’ideale europeo e federalista possono contare, oltre a tutti i supporti istituzionali, in una locale sezione del MFE intitolata appunto a Paride Baccarini, e in una sezione della Gioventù Federalista Europea.

Molte sono state le azioni che, fin dalla metà degli anni '60, la nostra città ha saputo mettere in campo a sostegno dello spirito e dell'orizzonte dell'Europa a cominciare da una dinamica attività su gemellaggi e rapporti internazionali, avviata dal Sindaco Adriano Guerrini con le città di Choisy le Roi, Kulmbach e Nervesa della Battaglia.

Significativo è stato l’impegno di promozione della partecipazione alle elezioni del Parlamento Europeo che hanno sempre visto Lugo tra le città a più alta percentuale di voto a livello nazionale.

E’ importante riconoscere e valorizzare il grande impegno delle scuole lughesi iniziato negli anni ‘70 e cresciuto in maniera rilevante. Esse effettuano attività di scambio di studenti, sperimentano il lavoro in rete tra più paesi in vari campi dello studio e della ricerca, organizzano visite alle istituzioni europee, formano gli studenti alla consapevolezza dei diritti e dei doveri connessi alla cittadinanza europea.

Anche in occasione del Cinquantenario del Trattato di Roma, le scuole sono state in prima linea nell’attività di sensibilizzazione che l’Amministrazione Comunale ha promosso.

Elevatissimo è il numero degli studenti universitari lughesi che hanno partecipato ad Erasmus e vivace la partecipazione delle scuole a vari progetti europei come Comenius, Socrates e altri ancora.

Le istituzioni culturali di Lugo ed in particolar modo la Biblioteca Comunale “Fabrizio Trisi”, sono state e continuano ad essere efficaci punti informativi sulle opportunità di studio, lavoro svago, impegno civile e sociale offerte dall’Unione Europea nonché sulle campagne di promozione dei valori fondanti dell’idea Europea promosse dal Consiglio d’Europa. Così come il nostro teatro è da tempo aperto a proficue collaborazioni con teatri europei . Cito quella più solida con il Wexford Festival Opera.

Continuo è stato l’impegno a fronte dei patti di gemellaggio e di cooperazione internazionale già in essere e, dal 2005, si è aperta una nuova fase tesa ad allargare le relazioni con città di paesi europei ed extraeuropei con particolare attenzione agli scambi economici e commerciali. Il gemellaggio concluso con Yoqneam, in Israele, e il patto di amicizia con la città cinese di Tai'An, si muovono in questa direzione.

L’obiettivo è la crescita e la diffusione, nei cittadini di Lugo, della consapevolezza che la costruzione dell’Unione europea è il primo caso nella storia umana di nascita di un’entità politica, economica e sociale non fondata su conquiste militari o rivoluzioni violente, ma su un percorso di cooperazione, di scelte di civiltà giuridica, di tutela dei diritti umani, di relazioni positive con le altre regioni del mondo. Un percorso tuttora intriso di contraddizioni, di dubbi, di accelerazioni e rallentamenti dei processi ma con una direzione di marcia inarrestabile.

Infine voglio ricordare che la nascita nel 2011 dell'Associazione per i Gemellaggi e le relazioni internazionali intitolata ad Adriano Guerrini, cioè all'indimenticato Sindaco che diede avvio alle politiche di gemellaggio fin dagli anni '60, un'associazione che si è posta fin da subito come un motore inesauribile di iniziative, testimonia la crescita del senso di appartenenza all'Europa della nostra comunità e la volontà di proseguire in questa strada con energia e capacità continua di rinnovamento. Vedrete ed ascolterete i protagonisti di queste attività.

Tutto questo è accaduto in nome e per l’affermazione della Dignità, Libertà, Uguaglianza, Solidarietà, Cittadinanza, Giustizia che sono oggi e per il futuro i valori fondanti dell’Unione Europea. A questi principi, unitamente a quelli sanciti dalla Costituzione della Repubblica Italiana, frutto della lotta di Liberazione, dedicheremo nei prossimi mesi una stele monumentale per simboleggiare anche fisicamente la nostra volontà.

Desideriamo ardentemente che questa intensa attività prosegua nel futuro, nella consapevolezza che i rapporti di amicizia fra paesi diversi sono uno strumento indispensabile e fecondo per la nascita di quel senso di appartenenza ad un unico popolo che connota sempre più le nostre comunità civili.

Per questo vogliamo dedicare la TARGA assegnata dal Consiglio d'Europa alla città di Lugo, ai nostri Sindaci, a tutti gli amministratori di qualsiasi parte politica che nel passato e negli anni più recenti si sono impegnati in questa azione di crescita delle coscienze.

Vogliamo dedicarlo a tutti i nostri cittadini che hanno sostenuto e accompagnato con convinzione e con entusiasmo questo lavoro, agli studenti agli insegnanti; agli imprenditori che ci hanno sempre fatto capire che la prosperità della nostra economia ha una condizione essenziale nella pace e nei rapporti di cooperazione, senza frontiere e senza protezionismi; vogliamo dedicarlo a tutti coloro, infine, che dall'Europa ci hanno aiutato a superare momenti difficili, a crescere e a far parte di una comunità ampia e libera.

Se fino a 70 anni fa (considerate: è meno del tempo medio di vita di una persona), i giovani europei si combattevano in una guerra assurda e fratricida, oggi possiamo constatare con orgoglio legittimo che un giovane di qualsiasi paese europeo può pensare di studiare, di lavorare e di vivere in ogni regione d'Europa, senza limitazioni ed in piena libertà.

Queste felice constatazione non ci impedisce comunque di notare i limiti che ancora affliggono la causa europea, limiti resi più evidenti e più pesanti della crisi economica attuale. Sono limiti che rischiano di mettere a repentaglio il futuro delle giovani generazioni. Sale dai giovani, e non solo, sempre più forte la domanda di un'Europa che garantisca la giustizia sociale, la prospettiva di occupazione e di vita in un ambiente sostenibile, che liberi le energie creative e che renda più solida la sua legittimazione, innanzitutto politica.

Io credo che tutti noi ed in particolare i giovani debbano contribuire a rafforzare l'Europa, il suo sistema democratico, i suoi pilastri economici e sociali chiedendosi, nello spirito del pensiero di J.F. Kennedy non “cosa può fare per noi l'Europa, ma che cosa possiamo fare noi per l'Europa”.

Se saremo capaci di lavorare con questo spirito per tenere alto l'orizzonte europeo, allora possiamo pensare che l'Europa possa rappresentare effettivamente l'alveo naturale nel quale indirizzare il futuro di tutti noi.

Noi continueremo a lavorare e ad impegnarci con tenacia e con determinazione per questo obiettivo.

 

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse