Mercoledì 5 dicembre, alle ore 21, presso l’ALA d’Oro, incontro con lo scrittore veneziano Andrea Molesini che presenta il suo ultimo romanzo “Non tutti i bastardi sono di Vienna” - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Comunicazione e... - Comunicati stampa - Anno 2012 - Dicembre - Mercoledì 5 dicembre, alle ore 21, presso l’ALA d’Oro, incontro con lo scrittore veneziano Andrea Molesini che presenta il suo ultimo romanzo “Non tutti i bastardi sono di Vienna”  

Mercoledì 5 dicembre, alle ore 21, presso l’ALA d’Oro, incontro con lo scrittore veneziano Andrea Molesini che presenta il suo ultimo romanzo “Non tutti i bastardi sono di Vienna”

copertina-del-libro-di-Molesini

Mercoledì 5 dicembre, alle ore 21, nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, si torna a parlare di narrativa a Caffè Letterario con lo scrittore veneziano Andrea Molesini e il suo ultimo romanzo “ Non tutti i bastardi sono di Vienna” edito da Sellerio nel 2011. A introdurre la serata, che si concluderà con un brindisi e piadina per tutti i presenti, sarà la curatrice di Caffè Letterario Patrizia Randi.
Nel 1917, dopo la ritirata di Caporetto, il fronte si sposta a sud. Una marcia disperata di migliaia di profughi intralcia le strade già occupate dai militari in rotta. C'è chi fugge e chi resta. Ai primi di novembre sono fatti saltare i ponti sul Piave dalle retroguardie dell'esercito italiano e tutto il Friuli e parte del Veneto passano sotto il controllo dei militari austriaci e germanici, che entrano da vincitori presentandosi col volto crudele e violento dei saccheggiatori. La maggior parte delle case dei contadini e delle ville padronali viene depredata e non ci si può ribellare ("... se ti andava bene ne uscivi con la mandibola rotta dal calcio di un fucile"). Anche Villa Spada (a Refrontolo poco distante dal Piave) non sfugge alla grande razzia ed è preda del nemico, che qui insedia un proprio comando. In questa dimora signorile vive una famiglia nobile…
Andrea Molesini in “Non tutti i bastardi sono di Vienna” scrive di un particolare momento storico che è stato definito in più occasioni “una dimenticanza storiografica”. Della resistenza italiana nella prima guerra mondiale infatti si è sempre parlato poco, forse a causa dell’entusiasmo seguito alla grande vittoria, cui pochi anni dopo fece seguito l’avvento al potere del fascismo Ciò che sorprende in questo romanzo è la potenza espressiva e il realismo quasi fotografico: Molesini è sempre nitido, limpido, lucido: sceglie il particolare essenziale, che porta verso la meta. Tutto è tessuto, finemente intrecciato, e svolto a poco a poco. Forse per questo, col fluire della sua scrittura, riesce a far vedere tutti i colori, le ombre, i gesti, le più varie sensazioni nascoste. E a ricordare la dignità e la sofferenza, l'altruismo e l'eroismo e l'istinto di sopravvivenza di persone dimenticate troppo presto dalla storia.
Andrea Molesini è nato e vive a Venezia. Ha curato e tradotto opere di poeti americani: Ezra Pound, Charles Simic, Derek Walcott. Ha scritto storie per ragazzi tradotte in varie lingue. “Non tutti i bastardi sono di Vienna” è il suo primo romanzo. Quest’opera ha vinto nel 2011 il Premio Supercampiello, il Premio Comisso, il Premio Città di Cuneo Primo Romanzo eil Premio Latisana. E’ attualmente in corso di traduzione in inglese, francese, tedesco, spagnolo, olandese, norvegese e sloveno.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse