Venerdì 23 marzo, alle ore 21, nel Salone Estense, il neurologo Arnaldo Benini a Caffè Letterario - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Comunicazione e... - Comunicati stampa - Anno 2012 - Marzo - Venerdì 23 marzo, alle ore 21, nel Salone Estense, il neurologo Arnaldo Benini a Caffè Letterario  

Venerdì 23 marzo, alle ore 21, nel Salone Estense, il neurologo Arnaldo Benini a Caffè Letterario

copertina

Venerdì 23 marzo, alle ore 21, nel Salone Estense della Rocca di Lugo, (e non nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro come precedentemente indicato) torna al Caffè Letterario di Lugo il neurologo Arnaldo Benini per presentare il suo nuovo saggio, appena uscito in libreria per i tipi di Garzanti, “La coscienza imperfetta”. A introdurre questa appassionante serata sulle ultime scoperte che le neuroscienze stanno portando avanti sul funzionamento del nostro cervello, sarà la curatrice della nostra rassegna letteraria Patrizia Randi.
Arnaldo Benini, docente di neurologia all'Università di Zurigo, in “La coscienza imperfetta”, invita a non cercare l'introvabile e ricorda che quando si studia il cervello «l'esploratore, per la prima volta nella storia della ricerca, coincide con l'esplorato». In altre parole, per comprendere il cervello, ci vorrebbe un meta-cervello che non abbiamo. La coscienza sarà sempre imperfetta perché non potrà mai abbracciare tutta se stessa. Ed è vano almanaccare sull'enigma dell'emergere del pensiero e della morale: biologicamente «il compito essenziale dei cervelli, quello umano incluso, è di prendersi cura della sopravvivenza del corpo di cui fanno parte». Alla fisicità si riducono anche i prodotti più nobili dell'intelligenza, per esempio quel pensiero distillato che è la letteratura. Rassegniamoci: «Lingue e letterature esistono fin quando ci sono cervelli che le parlano, le scrivono e le leggono». Ce n'è anche per Kant. Tempo e spazio non sono categorie «a priori» della mente ma esperienze apprese, e quanto alla «legge morale che è in noi», Benini ci sbatte in faccia «la banalità del male» (e quindi anche del bene?). «Per compiere un delitto immane - dice Benini - Eichmann non aveva bisogno che di essere un uomo qualunque», «la coscienza del bene e del male è emersa come meccanismo del cervello durante un lunghissimo processo naturale, l'evoluzione, la cui regola è la sofferenza del più debole che soccombe».

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse