Influenza aviaria - Le misure di contenimento sul territorio della Regione Emilia Romagna - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Notizie - Influenza aviaria - Le misure di contenimento sul territorio della Regione Emilia Romagna  

Influenza aviaria - Le misure di contenimento sul territorio della Regione Emilia Romagna

Prosegue purtroppo il riscontro di allevamenti infetti da influenza aviaria nel territorio della Regione Emilia Romagna: il virus è stato isolato anche in un secondo allevamento di Mordano (il quarto in regione). In seguito a quest'ultimo caso la  Regione ha adottato una nuova ordinanza - la n. 174/2013 - che ha sostituito la 173/2013.

Sono state aggiornate le zone di protezione (3 km) e le zone di sorveglianza (10 km)   entro le quali vigono particolari disposizioni di biosicurezza sulla movimentazione di animali, uova e materiali.

 Per i Comuni dell'Unione:

  • si conferma Bagnara di Romagna  in zona di protezione  nella quale viene inserito parte del territorio di Massa Lombarda  
  • si confermano Conselice , parte di Massa Lombarda, Sant'Agata sul Santerno, Lugo, Cotignola in zona di sorveglianza  

 

Il Servizio veterinario dell’Ausl di Ravenna ha effettuato controlli virologici e sierologici  a tappeto con frequenza bisettimanale sugli allevamenti avicoli in qualche modo collegati funzionalmente a quello nel quale si è riscontrata la malattia.
A tutt’oggi negli allevamenti del territorio dell’Ausl di Ravenna non è stato registrato alcun segno di circolazione virale, né di malattia  .

Tuttavia, perdurando la situazione di emergenza in allevamenti avicoli situati in territori confinanti con la provincia di Ravenna, il Servizio Veterinario dell’Ausl di Ravenna, acquisito il parere favorevole rilasciato dal Ministero della Salute alla Regione Emilia-Romagna, ha proposto al Sindaco del Comune di Lugo, di emettere un’ordinanza per l’abbattimento precauzionale di tutti gli animali delle specie avicole presenti nei due allevamenti, posti nel territorio comunale, collegati funzionalmente a quello nel quale è stato registrato il primo focolaio.

Sono già state predisposte le procedure amministrative e tecniche preliminari per la realizzazione di tutte le operazioni connesse all’abbattimento nel rispetto delle condizioni di massima sicurezza degli operatori e con riguardo alle modalità di trattamento dei volatili  .
Nella giornata del 10 settembre prenderanno avvio le operazioni di abbattimento che si concluderanno prevedibilmente in settimana corrente.

Permane il divieto di rimozione e spandimento di pollina  in tutti i Comuni che si trovano nelle 2 zone di protezione e sorveglianza, l'immissione di selvaggina per ripopolamento faunistico, la sospensione di mercati e fiere e concentramenti di animali delle specie sensibili, il divieto di vendita ambulante di specie sensibili.

 

Influenza aviaria: le domande e le risposte più frequenti

 

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse