Regolamento area sosta nomadi (Del. C.C. n. 11/26.01.1995) - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Statuto e Regol... - Regolamenti Com... - Attività socio-... - Regolamento area sosta nomadi (Del. C.C. n. 11/26.01.1995)  

Regolamento area sosta nomadi (Del. C.C. n. 11/26.01.1995)

Deliberazione di Consiglio Comunale n. 11 del 26.01.1995

Articolo 1

Il Comune di Lugo, nel rispetto delle finalità e dei principi di cui alla L.R. 23 novembre 1988, n. 47, disciplina e concorre alla concreta attuazione del diritto dei nomadi alla sosta, agevolando così il loro inserimento nella comunità, mediante la realizzazione di un'area di sosta attrezzata, sita in Lugo, Via Carrara Arginello n. 10

Articolo 2

L'area in oggetto si configura quale "Area sosta", rispondendo ai requisiti di cui all'Art. 4 della L.R. n. 47/88.

Essa è composta di 4 piazzole.

L'area sosta in particolare è dotata delle opere di urbanizzazione primaria oltre che dei servizi igienici e di lavanderia, docce, recinzione, telefono pubblico, contenitore per rifiuti solidi urbani.

Articolo 3

L'accesso al campo sosta avviene nel seguente modo:

a) presentazione di domanda presso l'Ufficio Assistenza e Politiche Sociali in cui vengono indicati i nomi dei componenti la famiglia, l'attività svolta, il numero e le caratteristiche degli automezzi il periodo di sosta richiesto;

b) L'Ufficio Assistenza e Politiche Sociali sarà impossibilitato ad accogliere domande di persone non munite di carta di identità o altro documento idoneo ad attestare l'identità. Gli estremi del documento vanno riportati nella domanda.

c) costituisce criterio di precedenza per l'autorizzazione la presenza di bambini che frequentino regolarmente la scuola dell'obbligo, materna, gli asili nido o di ragazzi e adulti che frequentino corsi di formazione professionale.

d) L'Ufficio Assistenza, riscontrata la regolarità della domanda e la disponibilità degli spazi concederà il nulla osta assegnando il numero delle piazzole.

e) Al momento del rilascio dell'autorizzazione si provvederà a consegnare copia del documento contenente i criteri per la gestione all'assegnatario richiedendone la firma per presa visione e l'impegno a rispettare quanto previsto dal medesimo.

Articolo 4

Copia dell'autorizzazione alla sosta viene trasmessa al comando di Polizia Municipale per gli adempimenti previsti dalle disposizioni di legge di Pubblica Sicurezza. Inoltre tutte le procedure di controllo sull'area, previste dal presente regolamento, sono affidate al Corpo di Polizia Municipale.

Articolo 5

Considerate le caratteristiche dell'area,(area di sosta e non di transito) verranno accettate domande che prevedono una sosta di almeno 1 anno.
Periodi inferiori verranno considerati solo in presenza di ricoveri ospedalieri o per cause accertate di forza maggiore.

Articolo 6

Le autorizzazioni sono annuali , eventualmente rinnovabili. Il rinnovo potrà avvenire previa verifica dell'avvenuta regolarizzazione di eventuali pendenze economiche o di pagamento a titolo di risarcimento o altro.
Il periodo di sosta può essere interrotto per alcuni mesi dell'anno previa comunicazione all'ufficio Assistenza specificando la data di partenza e la data di ritorno.
Sarà cura dell'ufficio trasmettere ogni variazione al Comando Polizia Municipale.
In assenza della relativa comunicazione o di rientro posticipato, rispetto al termine indicato, si potrà provvedere alla revoca dell'autorizzazione e all'assegnazione, ad altri, della piazzola.

Articolo 7

Durante la sosta, ogni nucleo familiare è tenuto al pagamento di una quota forfettaria a titolo di rimborso delle spese relative ai consumi comuni. Tale quota verrà definita annualmente dalla Giunta Comunale.
Eventuali richieste di riduzione o esenzione dovranno essere esaminate dalla Commissione Comunale Assistenza e ratificate dalla Giunta Comunale.
La modalità di pagamento è concordata con l'ufficio preposto: in linea di massima sarà mensile.
In riferimento ad ogni piazzola viene individuato un referente il quale provvederà ad intestarsi i contratti di utenze dell' energia elettrica e dell'acqua e che sarà responsabile del pagamento delle relative bollette.

Articolo 8

Sono vietate le occupazioni di qualsiasi genere.
Ogni presenza di persone e automezzi non autorizzate dall'A.C., sia essa in area di sosta attrezzata o in altro luogo pubblico, è considerata occupazione abusiva.
E' vietato l'abbandono di automezzi o carovane nelle aree di sosta in assenza della famiglia titolare, salvo cause di forza maggiore e previa autorizzazione.
Una eventuale rimozione dei mezzi verrà effettuata con spesa a totale carico del proprietario.
Il veicolo rimosso sarà collocato presso un deposito e verrà restituito previo pagamento delle spese di rimozione e custodia.

Articolo 9

Ogni famiglia è tenuta a mantenere pulita la propria piazzola, le zone circostanti, gli spazi comuni ed a custodire gli animali domestici, secondo le norme sanitarie vigenti.
La sistemazione di eventuale materiale di recupero dovrà avvenire nel modo più ordinato possibile.
All'uscita dall'area le famiglie dovranno lasciare la zona da loro occupata libera da qualunque tipo di materiale, in perfetto ordine, e pulizia.
L'A.C. controllerà periodicamente lo stato dell'area e adotterà i necessari provvedimenti qualora non vengano rispettate le clausole sopra descritte.

Articolo 10

In presenza di casi conclamati o sospetti di malattie infettive, i nuclei presenti nel campo sono obbligati a sottoporsi agli accertamenti sanitari necessari.

Articolo 11

All'interno dell'area gli automezzi devono circolare a passo d'uomo. Sono vietati, in particolare nelle ore notturne, i rumori che arrechino grave disturbo nell'area e al vicinato.

Articolo 12

I danni arrecati alle strutture e gli abusi nei consumi dovranno essere risarciti dai responsabili nell'entità della stima effettuata dai tecnici dell'A.C..
Nell'impossibilità di identificare i responsabili la cifra è suddivisa in parti eguali fra le famiglie presenti nell'area.

Articolo 13

L'evasione dell'obbligo scolastico, lo sfruttamento dei minori per l'accattonaggio, i gravi danneggiamenti apportati alla struttura, danno luogo alla revoca del permesso di sosta nell'area.

Articolo 14

Viene costituito un Comitato consultivo composto da un rapresentante dell'Area Nomadi, da un rappresentante dell'Amministrazione Comunale nominato dalla Giunta, da Presidente del Consiglio di Circoscrizione ove è ubicato il campo e da un rappresentante dell'A.U.S.L. di Ravenna - Ambito Territorialòe di Lugo che avrà il compito di rilevare i problemi attinenti alla gestione del campo, ivi compresi quelli riferiti alle strutture e alle attrezzature, nonchè di segnalare ai competenti uffici comunali le varie esigenze per le quali si rende necessario provvedere.

Articolo 15

La violazione di qualunque articolo del regolamento, il mancato pagamento delle quote dovute danno luogo alla revoca dell'autorizzazione alla sosta,fatto salvo quanto previsto dall'art. 7 per i casi di riduzione o esenzione.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse