Regolamento per il gemellaggio con città estere (Del. C.C. n. 89/31.08.2000) - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Comune - Statuto e Regol... - Regolamenti Com... - Eventi, manifes... - Regolamento per il gemellaggio con città estere (Del. C.C. n. 89/31.08.2000)  

Regolamento per il gemellaggio con città estere (Del. C.C. n. 89/31.08.2000)

Deliberazione di Consiglio Comunale N. 89 del 31/08/2000

ART. 1 - PRINCIPI

L’Amministrazione Comunale favorisce l’instaurazione di rapporti di gemellaggio con città (enti territoriali) di altre nazioni al fine di stabilire e sviluppare con essi legami di solidarietà, come strumento di:

  • conoscenza e comprensione tra i popoli dell’Europa e del Mondo;
  • sostegno e difesa della pace e dei principi di libertà;
  • cooperazione ed integrazione tra culture e civiltà diverse per favorire situazioni di progresso civile, culturale ed economico sociale, attraverso interscambio di esperienze;
  • sostegno alle iniziative rivolte ai giovani

Il Comune di Lugo aderisce alla Federazione Mondiale delle Città gemellate e al Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa accogliendo i principi fondamentali indicati nei rispettivi statuti.
Nel 1996 il Consiglio d’Europa ha attribuito al Comune di Lugo la "Bandiera d’Onore", importante riconoscimento agli Enti Locali che si sono distinti per il loro impegno per l’Europa.
In occasione del conferimento ufficiale della Bandiera d’Onore d’Europa è stata adottata una dichiarazione solenne "Lugo un Comune per l’Europa". Tale protocollo, proposto dall’Amministrazione Comunale e dal Comitato per i Gemellaggi è stato presentato ed accolto da organizzazioni politiche ed economiche della città.

ART. 2 - INFORMAZIONI SULLE CITTÀ GEMELLE

Le "Carte" originali di gemellaggio, opportunamente incorniciate sono esposte in apposita sala della Residenza Comunale.

E’ riconosciuta l’opportunità di esternare gli "status" di gemellaggio con cartelli indicatori posti sulle principali vie di accesso alla città e con altri mezzi di diffusione..

ART. 3 - COMITATO PER I GEMELLAGGI

E’ istituito un Comitato composto da:

Sindaco del Comune di Lugo o suo delegato
1 rappresentante di ogni gruppo consiliare
Vicario ecclesiale o suo delegato
1 rappresentante del distretto scolastico
1 rappresentante Pro Loco
1 rappresentante della Fondazione Cassa Monte Lugo
1 rappresentante della Fondazione Fantini

Il Comitato per i Gemellaggi viene costituito con delibera della Giunta Comunale su designazioni degli organismi che ne fanno parte.
Scuole, Associazioni, Organizzazioni di categoria e sindacali, privati cittadini se interessati e disponibili a collaborare alle attività di gemellaggio possono far parte del Comitato, anche in forma aggregata, chiedendo l’iscrizione in un apposito albo istituito e curato dall’Ufficio di Presidenza.

Compete al Comitato:

  • formulare all’inizio di ogni anno un programma preventivo di massima delle attività che si intendono realizzare;
  • collaborare con l’Ufficio di Presidenza nello svolgimento delle attività di gemellaggio;
  • prendere conoscenza e ratificare a consuntivo i programmi gestiti nel corso dell’anno dall’ Ufficio di Presidenza
  • raccogliere richieste, segnalazioni, proposte dirette a promuovere eventuali gemellaggi, vagliandone la consistenza e l’opportunità, avviando con la città prescelta o richiedente contatti preliminari informali.

ART. 4 - UFFICIO DI COORDINAMENTO

Viene costituito un Ufficio di Coordinamento composto dal Coordinatore delle attività di gemellaggio, dal Presidente del Comitato per i Gemellaggi, da quattro componenti il Comitato per i Gemellaggi nominati dal Comitato stesso.
L’ufficio di coordinamento è presieduto dal Coordinatore delle attività di gemellaggio, designato dal Sindaco. Il Coordinatore convoca le riunioni dell’Ufficio di Coordinamento e ne presiede i lavori.
L’Ufficio di Coordinamento, per lo svolgimento delle attività di segreteria, sarà coadiuvato da un dipendente del Servizio Segreteria del Sindaco, Organi Istituzionali.
L’Ufficio di Coordinamento sarà inoltre coadiuvato, per tutte le altre attività ed iniziative che saranno individuate dallo stesso e dal Coordinatore delle attività di gemellaggio, dal dipendente del Servizio Segreteria del Sindaco, suddetto, dal responsabile del Servizio Musei e Turismo e dal responsabile del Progetto Speciale Fondi U.E., in relazione alle loro specifiche competenze. Detti dipendenti parteciperanno altresì alle riunioni dell'Ufficio di Coordinamento, salva diversa disposizione del Coordinatore.

Compete all’Ufficio di Coordinamento:

  • curare le relazioni con le città gemelle
  • elaborare i programmi delle attività che si intendono realizzare, approvati dal Comitato;
  • gestire lo svolgimento delle attività.
  • promuovere il coordinamento di iniziative con altri Comuni interessati ad attività di gemellaggio.
  • seguire l’iter burocratico necessario all’ufficializzazione di eventuali nuovi gemellaggi
  • individuare ambiti di interesse comuni con le città gemelle, promuovere e realizzare forme di partenariato tra i rispettivi territori anche al fine di partecipare ai programmi di azione e finanziamento dell’Unione Europea.

L’Ufficio di Coordinamento può avvalersi della collaborazione di rappresentanti di enti, associazioni e cittadini interessati alle iniziative di gemellaggio, che saranno di volta in volta invitati a partecipare alle riunioni dell’Ufficio di Coordinamento.

ART. 5 - ATTIVITA'

Il programma delle attività di gemellaggio, formulato dal Comitato viene approvato dal competente organo deliberativo, con previsione della spesa presunta da iscriversi nel bilancio comunale dell’esercizio.
Il programma delle singole iniziative da attuarsi nel corso dell’anno viene approvato con impegno della spesa a bilancio.

ART. 6 - SPESE

Per effetto del presente regolamento, le attività di gemellaggio rientrano tra i fini sociali del Comune di Lugo.
Le spese relative, individuate nei programmi annuali, saranno iscritte in apposita posta passiva del Bilancio, tenendo conto che il loro ammontare deve trovare un limite nel concetto di utilità per l’Ente, sia sotto l’aspetto sociale che sotto quello economico.

ART. 7 - ENTRATE

Il Comitato per i Gemellaggi può ricevere finanziamenti anche da enti, associazioni, aziende o privati cittadini attraverso contributi all’attività annuale o a singole iniziative.
E’ istituito un apposito capitolo d’entrata a bilancio.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse